+ - =
+/-
OMCI - Organismo di Mediazione

Omci - Organismo di Mediazione e Conciliazione Italia

30
Giugno
2020

Quando possibile è utile ricorrere alla mediazione telematica;

Tribunale di Monza, ordinanza del 29/05/2020;

Sintesi: Valutata la natura delle causa ed il contesto di emergenza sanitaria causato dal Coronavirus è auspicabile, quando possibile, tentare di risolvere la controversia ricorrendo alla procedura di mediazione anche al di fuori dei casi di obbligatorietà. 
Nel caso di specie il Tibunale di Monza, non pontendo garantire il rispetto delle regole di distanziamento sociale all'interno delle proprie aule, ha ritenuto opportuno invitare le parti ad avviare il procedimento di mediazione al fine di risolvere in maniera amichevole la controversia.
La medizione, infatti, grazie all'utilizzo dei principali strumenti tecnologici quali, ad esempio, la videoconferenza, consente alle parti di perseguire i loro interessi nel pieno rispetto delle più recenti normative sanitarie.

L' ordinanza integrale:

Tribunale Ordinario di Monza Seconda Sezione

DECRETO PER LO SVOLGIMENTO DI UDIENZA MEDIANTE TRATTAZIONE SCRITTA

Il giudice Caterina Caniato

Richiamata la legislazione in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da Covid-19 ed in particolare il D.L. 17 marzo 2020 n.18, convertito con modificazioni con L n.27/2020;

Viste le disposizioni organizzative della Presidenza del Tribunale di Monza Prot.1200/2020 secondo cui “Saranno rinviate a data successiva al 31 luglio 2020 le udienze di carattere non urgente (con esclusione di quanto sub 2) fissate nel periodo 12 maggio – 31 luglio 2020”;

Ritenuto che l’udienza fissata per l’esperimento di tentativo di conciliazione e valutazione di eventuale rinvio in mediazione delegata non rientri nei procedimenti in di cui al punto 2 delle citate disposizioni organizzative, in assenza di particolare motivo di urgenza rappresentato dalle parti e nell’impossibilità di svolgere l’udienza con modalità scritta o da remoto;

rilevato che la causa è stata rinviata d’ufficio al 1 ottobre 2020;

rilevato che l’aula di udienza per le sue dimensioni non consente di garantire il distanziamento sociale delle cinque persone necessariamente presenti all’udienza; ritenuto che non è dato sapere allo stato se alla data dell’udienza saranno ancora necessarie o meno misure di distanziamento sociale;

RICHIAMA

l’invito del Presidente del Tribunale di Monza, espresso nelle disposizioni organizzative sopra richiamate, ad incentivare il ricorso a procedure alternative di definizione del contenzioso, mediante procedimenti di mediazione o negoziazione assistita, anche al di fuori dei casi di obbligatorietà, ove rimedi utilmente attuabili grazie a strumenti tecnologici ed informatici nella disponibilità di organismi di mediazione e studi professionali;

REVOCA

l’udienza già fissata per il giorno 1 ottobre 2020;

valutata la natura della causa , le difese di parte convenuta e le contestazioni sorte in fase di ATP,

DISPONE

Ex art.5 secondo comma D.Lgs n.28/2010 l’esperimento di procedura di mediazione, che diviene quindi condizione di procedibilità del giudizio.

ASSEGNA

Termine di 15 giorni dalla comunicazione del presente provvedimento per la instaurazione del procedimento di mediazione;

ASSEGNA

Alle parti termine sino al 12 novembre 2020 per il deposito di nota scritta contenente le eventuali deduzioni ovvero indicazione che la causa ha trovato una soluzione bonaria; Ove il fascicolo non sia interamente composto da documenti informatici e contenga atti difensivi cartacei, entro il medesimo termine nel caso di richiesta di prosecuzione del giudizio

INVITA

i procuratori delle parti a depositare, ove nella loro disponibilità ed in allegato alle note scritte, le copie informatiche degli atti di parte e dei documenti in precedenza depositati in forma cartacea, nei formati ammessi dalla normativa sul PCT.

FISSA

La data del 19 novembre 2020 senza orario per la trattazione cartolare delle istanze. Manda alla cancelleria per la comunicazione del presente provvedimento e per l’annotazione, visibile anche nella consultazione da remoto, della data del 19 novembre 2020 quale “trattazione scritta”.

Monza, 29/05/2020

Il giudice Caterina Caniato

E-mail Stampa PDF
Ultimo aggiornamento Mercoledì, Luglio 01 2020
  
26
Giugno
2020

OMCI OFFRE:

MEDIAZIONE CIVILE E COMMERCIALE e FORMAZIONE SULLA STESSA:

La «mediazione» è  finalizzata ad assistere due o più soggetti sia nella ricerca di un accordo amichevole per la composizione di una controversia, sia nella formulazione di una proposta, effettuata dallo stesso Mediatore, per la risoluzione della stessa senza passare alle vie Giudiziarie con i suoi relativi tempi e costi che tutti conosciamo. Dopo numerose sollecitazioni, in ultime la Direttiva 2008/52 CE, la Direttiva 2013/11/U.E.  il Parlamento e gli avvisi di Bruxelles, del CSM, dell’ANM, la L.96/17 art.11 Ter. La Mediazione Civile è obbligatoria a tutti gli effetti, sanando l’eccesso di delega anche da noi! Ci uniformeremo così agli altri paesi, nei quali esiste da decenni con Risultati Positivi fino al 85 ÷ 90%. Sai che è più conveniente sotto numerosi aspetti la mediazione civile invece che rivolgersi direttamente  al Tribunale? 1) I tempi: la Mediazione deve terminare entro un massimo di TRE mesi; 2) Spese ridotte; 3) Detrazioni di imposta fino ad un massimo di € 500,00; 4) Le parti invece di continuare ad avere rancori inutili perché non è odiando che si risolvono le situazioni durature nel tempo ma al contrario con un po’ di Amore Umano, Dialogo, e meno orgoglio personale,  possono ritrovare  di comune accordo una soluzione amichevole: cosa non da poco. L’ Omci (Organismo di mediazione e conciliazione Italia), ha esperti mediatori in tutte le discipline, dalla Giuridica, all’economica, alla sociologica e tutte le discipline necessarrire per le controversie civili e commerciali;

MEDIAZIONE DEL LAVORO: OMCI offre ai lavoratori e alle aziende, e ai loro avvocati, coinvolti in una controversia di lavoro la gestione professionale e neutrale di una procedura di mediazione professionale. Una soluzione estremamente efficace e conveniente per garantire reciproca soddisfazione e soluzioni creative. L’intervento di un mediatore professionale terzo neutrale specializzato in materia del lavoro, costituisce un valore aggiunto inestimabile al tentativo di composizione di liti tipicamente risolte, sino ad oggi, nell’ambito di “conciliazioni paritetiche” soggette, dunque, ai limiti della negoziazione diretta.

Caratteristiche della procedura

  • Mediatori professionisti esperti in materia di diritto del lavoro.
  • La Procedura di Mediazione è protetta dalla massima confidenzialità. Il mediatore e tutti coloro che sono coinvolti nella mediazione, hanno l’obbligo di non rivelare alcuna informazione ottenuta nel corso della procedura, anche in un eventuale futuro giudizio.
  • Possibilità della presenza di un rappresentante sindacale. La procedura di mediazione in materia di lavoro si svolge presso le sedi di OMCI, con la presenza – se richiesta – di un rappresentante sindacale autorizzato. OMCI su richiesta delle parti si avvale di appositi accordi con i sindacati di categoria legittimati.

Validità ed efficacia della procedura

  • Accordo di Mediazione. Al termine della procedura di mediazione, l’accordo di mediazione raggiunto viene sottoscritto tra il lavoratore e l’azienda e ha valore contrattuale tra le parti.
  • Verbale di Conciliazione. L’accordo di mediazione viene trasposto in un Verbale di Conciliazione sottoscritto da un rappresentante sindacale autorizzato e viene depositato presso la Direzione territoriale del lavoro per gli adempimenti di legge.
  • Efficacia della procedura.
  • Le rinunce eventualmente effettuate dal lavoratore sono, inoppugnabili, ai sensi dell’art. 2113, ultimo comma, codice civile;
  • Le intese raggiunte con il Verbale di Conciliazione costituiscono titolo esecutivo.

La procedura di svolge secondo il Regolamento di Mediazione Volontaria di OMCI.

E Ancora: OMCI HA ANCHE AVVOCATI E FORMATORI SPECIALISTI NEL DIRITTO MILITARE, CIVILE, PENALE, AMMINISTRATIVO, PER ESERCITO E FORZE DELL ORDINE, SIA PER CONTROVERSIE SIA PER LA FORMAZIONE;

DIRITTO FISCALE, BANCARIO TRIBUTARIO, ASSICURATIVO e MOLTO ALTRO.

Contattaci su:  Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

E-mail Stampa PDF
Ultimo aggiornamento Sabato, Giugno 27 2020
  
23
Giugno
2020

Il Sole 24 Ore del 15 Giugno 2020 e ora Abbiamo Specialisti anche nel diritto, Militare, per l esercito, forze dell'ordine, civile, penale, amministrativo, e formatori in questo settore, non esitate a contattarci:

 

 

E-mail Stampa PDF
Ultimo aggiornamento Venerdì, Giugno 26 2020
  
23
Giugno
2020

Anche La mediazione online è un’occasione per avvicinare la mediazione alla gente;

Se è interesse dell' OMCI che la mediazione diventi un elemento fondamentale della nostra cultura sociale, è necessario guardare con interesse a ogni realtà che possa contribuire a diffondere la mediazione nel modo più ampio e diretto possibile. La rivoluzione della comunicazione digitale che stiamo oggi vivendo può essere una grande occasione per portare la mediazione nel quotidiano della gente e renderla facilmente accessibile attraverso quelle piattaforme di comunicazione che oggi rivestono un ruolo cruciale nella tenuta delle relazioni personali e sociali. Sia chiaro: la mediazione esprime tutto il suo potenziale con la presenza fisica dei suoi protagonisti, nel contesto protetto di una stanza di mediazione. La mediazione in presenza fisica è sempre da preferire per quanto possibile, perché è con il contatto fisico tra persone che si crea al meglio quella connessione umana e quel rapporto di collaborazione su cui la mediazione (così come la negoziazione e qualsiasi altra forma di dialogo, confronto e interazione) trova il suo ideale fondamento. Tuttavia, occorre evitare di commettere l’errore di chiudere gli occhi di fronte ai cambiamenti che questa emergenza sanitaria sta portando proprio nelle dinamiche di dialogo, relazione e interazione tra le persone. Dinamiche che vedranno una completa integrazione della interazione in presenza fisica con quella a distanza. La mediazione ha sempre avuto il pregio (a differenza del sistema giustizia) di essere stata capace di interpretare i bisogni di una società in continuo cambiamento e, come la società stessa, saprà adattarsi nel modo che risulterà più utile alle persone per gestire i propri conflitti. Per questo ci Vanno e necessitano Mediatori sempre aggiornati, Motivati e pronti ad adeguarsi ai cambiamenti di questa Società Moderna. Il Mediatore sarà sempre di più il Fulcro per dirimere controversie Civili e commerciali, ma deve in primis sapersi adattare alle nuove richieste del Mercato e della Giustizia Civile. Ricordiamo che un Organismo è un vero organo, che per funzionare bene, necessità sempre che tutti facciano la Loro Parte (Solo cosi un Organo Funziona); Il Mediatore Valido sa sempre che la Mediazione è il Modo migliore per le controversie e lo fa capire a tutti, per il bene della Giustizia della Società. Per tanto il Mediatore farà comprendere a tutti, imprese, liberi professionisti, ecc, che inserendo le Clausole Contrattuali o compromissorie eviterà le lungaggini ed i Costi del Tribunale. Una Volta inserita la Clausola infatti non andrà più in tribunale ma in caso di controversie potrà attivare la Mediazione Obbligatoria come da Clausola Contrattuale e tutto sarà più semplice e conveniente. Ci Vanno però Mediatori, Soci mediatori altamente Motivati e qualificati. Questo contraddistingue un Organismo da un altro. Le Clausole contrattuali da inserire sono disponibili sulla nostra home page a destra; La Figura del Mediatore è importantissima e lo sarà sempre di più. Per tutti gli Avvocati ed Economisti o chi si rivede in tutto questo deve solo con molta Motivazione potrà eseguire il corso di 50 ore  suddiviso in 5-6 giorni consecutivi (durata per 4 giorni di 8 Ore,30 Minuti e due giorni, durata 8 ore per un totale di 50 ore), oppure 2 W.E. (Giovedì,Venerdì, Sabato  e l'ultimo giorno  comprende anche l’esame finale di 4 ore), Totale 50 ore. Inoltre teniamo "corsi Base, da 18 ore senza esame finale" in base all'ex art. 16, comma 4 Bis, D.Lgs.28/10. s.m.i. per avvocati Mediatori di diritto a soli 350,00 Euro esente iva: I nostri corsi sono basati su tutte le norme previste dai Decreti, ma poi Molto improntati sulla Materia essenziale della Mediazione Civile, grazie ai nostri Formatori che sono tutti Esperti per ambiti di settori, iscritti ai vari ordini e C.T. e la preparazione sulla materia essenziale in mediazione, ovvero la COMUNICAZIONE, l’EMPATIA, la STRUTTURA dell’apprendimento, insomma le basi essenziali per conoscere il tipo di comunicazione, di formazione e del Livello Culturale di ognuno di Noi scrivendo semplicemente a Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. ;  Verificati tutti i requisiti e superati i test potrà iniziare la Professione del futuro più bella in assoluto: Quella del Mediatore Civile professionista iscritto all'alvo del Ministero della Giustizia.

Mediazione online: perché no?

La prima risposta alla domanda ”perché un mediatore dovrebbe usare la mediazione on line” potrebbe essere: PERCHE’ NO?

Perché un mediatore formato dovrebbe rinunciare ad una forma di comunicazione che esiste e che, soprattutto in questo periodo, ha mostrato tutte le sue potenzialità?

Perché un mediatore, in quanto tale sempre pronto al cambiamento, dovrebbe precludersi la possibilità di usare gli strumenti di un cambiamento che è già in atto?

Perché la diversità dello strumento della videoconferenza dovrebbe scoraggiare un mediatore abituato a confrontarsi su terreni spesso incerti e con tematiche spesso sconosciute come, ad esempio, le motivazioni profonde di un NO in mediazione?

Avvicinarsi alla pratica della mediazione online costituisce certamente una nuova sfida che implicherà:

  • per il mediatore esperto la possibilità di rimodulare le proprie capacità professionali al tavolo della mediazione e di arricchire la propria “cassetta degli attrezzi” di nuovi strumenti;
  • per il mediatore neofita la possibilità di confrontarsi con uno strumento nuovo senza i pregiudizi derivanti alla lunga pratica delle mediazioni in presenza;
  • per l’utente privato costituirà uno strumento che garantirà l’accesso alla mediazione in generale (si immagini una sessione di incontro svolta con lo smartphone da una persona anziana);
  • per l’utente istituzionale o per il manager della grande azienda probabilmente sarà un’esperienza molto naturale ed anzi potrà persino facilitare la partecipazione ai procedimenti di mediazione;
  • per tutti potrà comportare un enorme risparmio di tempo ed essere di ausilio nella gestione degli impegni di lavoro.

Questo NON vuol dire che la mediazione online sarà utile o praticabile per tutti gli utenti o che sarà applicabile a tutti i procedimenti di mediazione o che sarà preferita da tutti i mediatori. Come è naturale che sia, ci saranno mediatori professionisti che non la adotteranno; ci saranno procedure di mediazione per le quali non sarà indicato lo strumento online; ci saranno utenti o avvocati che preferiranno la procedura tradizionale.

E non c’è necessariamente un aut-aut tra mediazione in presenza e mediazione a distanza.

Una evoluzione nel modo di fare mediazione dopo il “lockdown” che appare assai verosimile sarà la modalità ibrida, nella quale incontri in presenza si alterneranno in modo naturale a incontri online, secondo le esigenze dei partecipanti.

Una cosa è certa: il progresso, come la storia, non arretra.

E-mail Stampa PDF
Ultimo aggiornamento Martedì, Giugno 23 2020
  
21
Giugno
2020

In Approvazione al Senato L'inserimento della Mediazione Nelle Controversie Riguardanti le Materie di Obbligazioni Contrattuali!

Nella seduta del 17 giugno 2020, il Senato ha approvato con un voto di fiducia il maxi-emendamento del Governo sulla conversione in legge del decreto-legge 30 aprile 2020, n. 28, recante misure urgenti per la funzionalità dei sistemi di intercettazioni di conversazioni e comunicazioni, ulteriori misure urgenti in materia di ordinamento penitenziario, nonché disposizioni integrative e di coordinamento in materia di giustizia civile, amministrativa e contabile e misure urgenti per l’introduzione del sistema di allerta COVID-19.

Il testo della conversione in legge include un articolo volto a prevedere l’esperimento della mediazione come condizione di procedibilità anche per le controversie in materia di obbligazioni contrattuali derivanti dall’emergenza sanitaria.

<<1-quater. All’articolo 3 del decreto legge 23 febbraio 2020 n. 6, convertito con modificazioni dalla legge 5 marzo 2020 n. 13, e modificato dal decreto-legge 25 marzo 2020 n. 18, convertito con modificazioni dalla legge 24 aprile 2020 n. 27, dopo il comma 6-bis è aggiunto il seguente: “6-ter: Nelle controversie in materia di obbligazioni contrattuali, nelle quali il rispetto delle misure di contenimento di cui al presente decreto, o comunque disposte durante l’emergenza epidemiologica da Covid-19 sulla base di disposizioni successive, può essere valutato ai sensi del comma 6-bis, il  preventivo esperimento del procedimento di mediazione ai sensi del comma 1-bis dell’articolo 5 del decreto legislativo 4 marzo 2010, n. 28 costituisce condizione di procedibilità della domanda.>>

Si ricorda che il comma 6-bis richiamato nell’articolo, dispone che “Il rispetto delle misure di contenimento di cui al presente decreto è sempre valutato ai fini dell’esclusione, ai sensi e per gli effetti degli artt. 1218 e 1223 c.c., della responsabilità del debitore, anche relativamente all’applicazione di eventuali decadenze o penali connesse a ritardati o omessi adempimenti”.

Quindi, nonostante la non felice formulazione del testo, la ratio della norma è chiara nell’inserire tra le materie di cui al comma 1-bis dell’art. 5 del DLgs. 28/10 (espressamente richiamato) per cui è necessario il previo esperimento della mediazione come condizione di procedibilità le controversie di natura contrattuali derivanti dalle disposizioni di “lockdown”. Ad esempio, tutte le controversie del settore turistico-alberghiero (biglietti aerei, anticipi per viaggi, etc..), rimborsi per spettacoli non eseguiti, contratti di fornitura non rispettati, ritardi di consegna di merce e molti altri ancora.

Inoltre, al DL Cura Italia è stato inserito il seguente articolo sulla sottoscrizione digitale dell’accordo di mediazione:

«h-bis) al comma 20-bis, dopo l’ultimo periodo è aggiunto il seguente: “Il mediatore, apposta la propria sottoscrizione digitale, trasmette tramite posta elettronica certificata agli avvocati delle parti l’accordo così formato. In tali casi l’istanza di notificazione dell’accordo di mediazione può essere trasmessa all’ufficiale giudiziario mediante l’invio di un messaggio di posta elettronica certificata. L’ufficiale giudiziario estrae dall’allegato del messaggio di posta elettronica ricevuto le copie analogiche necessarie ed esegue la notificazione ai sensi degli articoli 137 e seguenti del codice di procedura civile, mediante consegna di copia analogica dell’atto da lui dichiarata conforme all’originale ai sensi dell’articolo 23, comma 1, del decreto legislativo 7 marzo 2005, n. 82.”».

E-mail Stampa PDF
Ultimo aggiornamento Domenica, Giugno 21 2020
  
13
Giugno
2020

Corsi per Mediatori civili e commerciali professionisti anche ad hoc e la soluzione migliore la decidi tu!!!!! (Non attendere il momento è ora).

Omci R.O.M. 251 Ente Formativo N°303

Organismo di mediazione e Conciliazione Italia

www.omci.org https://mediazione.giustizia.it

Corsi per Mediatori civili e commerciali professionisti anche ad hoc e la soluzione migliore la decidi tu!!!!! (Non attendere il momento è ora).

Se sei interessato a svolgere questa nuova professione ma non hai ancora il titolo, prima di iscriverti ad Enti formativi che non sono anche Organismi di mediazione (gli unici che possono dopo il corso farti eseguire i 20 Tirocini richiesti) e iscrivere all’Albo dei Mediatori presso il Ministero della Giustizia, Omci propone:Corso formativo per mediatori civili e commerciali della durata di 50 ore (minimo) A sole 500,00 Euro esente iva (Prezzo UNICO ed introvabile), invece che 750,00 EURO per il solo 2020 e 250,00 Euro per i corsi di Aggiornamento un prezzo in assoluto tra i migliori, Unica condizione il Corso parte con almeno 5 iscritti, ma per tutto il 2020 anche ad hoc! Nel caso appena riportato il corso si esegue a Cavour (TO), Torino, Legnano, Sassari, ecc. Nelle sedi ove non abbiamo sedi Registrate, per chi è ben preparato, potremmo poi REGISTRARE altre sedi al ROM del Ministero della Giustizia con il Referente di zona con in quale ci siamo accordati e non prima di aver verificato  i requisiti acquisiti per essere Responsabile Regionale o di sede, in questo caso lo potrà fare anche chi ha già svolto il corso da 50 Ore. Il Corso puo’ essere di 5-6 giorni consecutivi (durata per 4 giorni di 8 Ore,30 Minuti e due giorni, durata 8 ore per un totale di 50 ore), oppure 2 W.E. (Giovedì,Venerdì, Sabato  e l'ultimo giorno  comprende anche l’esame finale di 4 ore), Totale 50 ore. Inoltre teniamo corsi Base, da 18 ore senza esame finale in base all'ex art. 16, comma 4 Bis, D.Lgs.28/10. s.m.i. per avvocati Mediatori di diritto a soli solo per il 2020 di 350,00 Euro esente iva un prezzo introvabile: I nostri corsi sono basati su tutte le norme previste dai Decreti, ma poi Molto improntati sulla Materia essenziale della Mediazione Civile, grazie ai nostri Formatori che sono tutti Esperti per ambiti di settori, iscritti ai vari ordini e C.T. e la preparazione sulla materia essenziale in mediazione, ovvero la COMUNICAZIONE, l’EMPATIA, la STRUTTURA dell’apprendimento, insomma le basi essenziali per conoscere il tipo di comunicazione, di formazione e del Livello Culturale di ognuno di Noi, preparato direttamente dal Responsabile scientifico Sociologo (Esperto in Comunicazione ed altro), solo cosi si diverrà un Mediatore preparato e pronto ad individuare subito il tipo di cultura dell’interlocutore in modo di farlo sentire subito a proprio Agio.

Omci con i suoi Mediatori in costate aggiornamento è certamente all’avanguardia per affrontare insieme determinate Liti, finendo in tempi brevi e con la soluzione migliore per entrambe le parti, per questo ripetiamo: prima di iscriverti ad un corso qualsiasi, valuta bene se dopo sarai veramente preparato ad affrontare Disagi altrui, facendo capire che i veri problemi della vita quotidiana sono ben altri, e arrivare cosi a un accordo amichevole tra le parti. E Con La Nuova Legge La Mediazione è divenuta Obbligatoria a tempo Indeterminato.

Il corso è rivolto ai laureati (anche laurea triennale in particolar modo, Avvocati o Laureati con Materie Compatibili con la Mediazione Civile e Commerciale) e ai diplomati iscritti in un albo professionale (es: geometri, consulenti del lavoro, commercialisti. Architetti, Notai, Ingegneri, Sociologi, Psicologi e tutti coloro che sono Laureati con Laurea Triennale o tutti coloro che sono iscritti ad un albo, riconosciuto dal Ministero della Giustizia). E’ gradita la prenotazione per motivi logistico - amministrativi, almeno 10 giorni prima, in modo tale da preavvisare il Ministero,  il luogo verrà comunicato sulla piattaforma www.omci.org insieme alle date ed orari come richiesto dalla legge e alle parti circa 10 giorni prima, in modo da dare ad ognuno la possibilità di effettuare il Bonifico bancario.

Oppure allo stesso prezzo potrai usufruire del corso ad hoc con le date che preferisci. Sono disponibili moduli anche per corsi specializzanti per mediatori:In Comunicazione Efficace,  fiscali, bancari, condominiali, in Diritto del Lavoro e di tutte le Materie Necessarie per divenire un Vero Mediatore. quindi non farti sfuggire la prossima data e non esitare a contattarci per avere informazioni e per richiedere i moduli di iscrizione reperibili su www.omci.org , sotto il link Formazione nella Home Page;

Per informazioni o invio moduli contattare: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

E-mail Stampa PDF
Ultimo aggiornamento Venerdì, Giugno 26 2020
  
11
Giugno
2020

Sentenza che accerta l’inesistenza di servitù non è titolo esecutivo (essendo un diritto Reale è obbligatotorio esperire prima la Mediazione che con il Verbale firmato da tutte le Parti, Avvocati e Mediatore invece sarebbe stato titolo esecutivo);

Sentenza  che accerta l’inesistenza di servitù non è titolo esecutivo (essendo un diritto Reale è obbligatotorio esperire prima la Mediazione che con il Verbale firmato da tutte le Parti, Avvocati e Mediatore invece sarebbe stato titolo esecutivo;

SINTESI: Alla base della controversia è una Mediazione e o sentenza di accertamento negativo di una servitù di passaggio, mediante la quale i proprietari del preteso fondo servente chiedono al giudice dell'esecuzione un ordine di cessazione delle turbative – Sennonché tale ordine andava richiesto al giudice della cognizione, non a quello dell'esecuzione (Cassazione, ordinanza n. 9637 del 26 Maggio 2020). I signori Zeta ricorrevano ex art. 612 c.p.c., nei confronti della Hotel Alfa S.r.l., chiedendo l'esecuzione forzata di una sentenza del Tribunale di Belluno che accertava l'insussistenza della servitù di passaggio vantata dall'albergo per raggiungere un garage. In particolare, i ricorrenti chiedevano al giudice dell'esecuzione che ordinasse, in attuazione della sentenza, l'apposizione di una sbarra inamovibile lungo la rampa d'accesso. Il giudice dell'esecuzione, con ordinanza dell'11 febbraio 2016, disponeva l'apposizione di una sbarra controllata elettronicamente. La Hotel Alfa Srl reagiva proponendo opposizione agli atti esecutivi contro l'ordinanza e il giudice dell'esecuzione disponeva la sospensione della procedura esecutiva, assegnando termine alle parti per riassumere il giudizio nel merito. Adempimento cui provvedevano i signori Zeta, chiedendo il rigetto della opposizione. Il Tribunale di Belluno, infine, accoglieva l'opposizione e annullava l'ordinanza resa ex art. 612 c.p.c. Nella sostanza, il nocciolo della controversia è nel rapporto tra accertamento (negativo) di un diritto e azione tesa a far cessare turbative/molestie del diritto di proprietà. Il Tribunale di Belluno, giudice di primo grado, pronunciando la sentenza utilizzata quale titolo esecutivo (cosa che sarebbe Successa in Mediazione in quanto il Verbale ha valore esecutivo se firmato da tutte le Parti, Assistenti e Mediatore), aveva esclusivamente accertato l'insussistenza della servitù di passaggio vantata dall'Hotel Alfa per raggiungere il garage attraverso i fondi dei signori Zeta. La sentenza, avente contenuto di mero accertamento negativo, non conteneva alcuna condanna suscettibile di esecuzione forzata ex art. 612 c.p.c. Spiega la S.C. che, trattandosi di un'azione negatoria, gli attori avrebbero dovuto chiedere al giudice del merito, ai sensi dell'art. 949 c.c., comma 2, la condanna, l'ordine di cessazione delle turbative/molestie subite. Il principio di diritto affermato è il seguente: la sentenza che, accogliendo un'azione negatoria servitutis, si limita ad accertare l'inesistenza della servitù, non è utilizzabile come titolo esecutivo (Lo sarebbe Stato con la Mediazione che con il Verbale ha Titolo Esecutivo), per richiedere al giudice dell'esecuzione, ex art. 612 c.p.c., l'individuazione delle misure atte a garantire la protezione da turbative o molestie, ove sul punto non si sia pronunciato, con statuizione di condanna, il giudice del merito ai sensi dell'art. 949 c.c., comma 2. Allo stesso modo, nel caso di accertamento della servitù ai sensi dell'art. 1079 c.c., non è possibile rivolgersi al giudice dell'esecuzione per far cessare eventuali impedimenti o turbative se l'adozione dei provvedimenti occorrenti non sia stata disposta dal giudice del merito. I ricorrenti non avrebbero dovuto adire il giudice dell'esecuzione, ex art. 612 c.p.c., sprovvisti come erano di un titolo esecutivo (Cosa che Avrebbero Avuto con il Verbale di Mediazione), contenente l'indicazione delle opere da compiere/misure da adottare. 
Né risponde al vero che l'ordinamento non appronti meccanismi di protezione del diritto di proprietà o di servitù accertati, rispettivamente, ai sensi degli artt. 949 e 1079 c.c.., perché una domanda in tal senso deve sempre essere rivolta al giudice della cognizione, ma prima ancora deve essere eseguita la Mediazione obbligatoria con Verbale avente Valore di Titolo Esecutivo.
Il ricorso dei signori Zeta è rigettato.

E-mail Stampa PDF
Ultimo aggiornamento Sabato, Giugno 13 2020
  
11
Giugno
2020

Terzo pignorato deve presentarsi anche Lui in Mediazione: il debitore esecutato è liticonsorte necessario per il pignoamento;

Per la Cassazione civile (ordinanza n. 9267 del 20 Maggio 2020) la giurisprudenza formatasi intorno all'art. 548 conserva la sua attualità anche dopo la riforma;

Sintesi:

E-mail Stampa PDF
Ultimo aggiornamento Giovedì, Giugno 11 2020
  
10
Giugno
2020

La mediazione non può considerarsi Avverata se è chiara la volontà di volersi sottrarre al tentativo di conciliazione;

Tribunale di Avellino

Sintesi: Affinché una parte si possa fa rappresentare in giudizio dal proprio legale è necessaria la presenza di una apposita procura speciale debitamente autenticata. In assenza di detta procura la mediazione non si può considerare validamente ed efficacemente espletata.
Ciò, a maggior ragione, se al difensore è conferita una direttiva con la quale lo si intima a trattare la mediazione come un ostacolo alla prosecuzione del giudizio.
Nel caso di specie, infatti, è stato espressamente chiesto al difensore di “non dare seguito al tentativo di mediazione e definite al primo incontro con verbale di mancata conciliazione”.
Questa direttiva è assolutamente contraria alle finalità dell’istituto della mediazione che, invece, mira a garantire un incontro tra le parti al fine di addivenire ad una conciliazione amichevole.

Leggi la sentenza qui:

E-mail Stampa PDF
Ultimo aggiornamento Giovedì, Giugno 11 2020
  
09
Giugno
2020

Il Mediatore “professionista” sa cavarsela sempre in una Mediazione, le Parti saranno sempre soddisfatte...

La Mediazione non è un sacrificio, ma al contrario, vi evita il Tribunale, La Mediazione, sarà sempre più il Futuro della Risoluzione delle controversie Civili e Commerciali, quando Lo proverete Tutti lo capirete e l’obbligatorietà non è un sacrificio, niente più Tribunale, tutto in Mani vostre, cosa volere di più!!!;

Tutti si domanderanno: perchè con tutti gli organismi che ci sono dovrei scegliere OMCI? Il Motivo è semplicissimo, provate una volta e Vedrete la differenza, se così non è,  potete sempre tornare ad un altro organismo. Ma il motivo per cui Vi chiediamo di provare omci è Semplicissimo, è anche il motivo che mi ha portato a fare OMCI pezzo per pezzo con una Motivazione Fortissima. Cos’è la Mediazione molto sinteticamente per OMCI? Parto da una citazione di San Francesco perché è da quella citazione che ho fondato l’organismo OMCI: Perdonarsi a Vicenda, Portare Verità ed eliminare discordia in famiglia, ridare la Speranza QUESTA è MEDIAZIONE, ed è per questo che è importantissimo, l’Empatos: cioè azzerare le proprie conoscenze per comprendere totalmente gli altri, l’ascolto vero che è totalmente differente dal Sentire, la comunicazione che è la Parte Fondamentale per condurre una Mediazione, parlare facendosi capire, RIPETO ANCORA: QUESTA è MEDIAZIONE. Questa è la Sintesi della Mediazione, uno strumento, per superare Liti, un vero e proprio Strumento di PACE per tutti! IL BUON MEDIATORE CON  UN PO’ DI PRATICA, DEVE AVERE QUESTI REQUISITI, UMILTA’, RISPETTO, SAPER ASCOLTARE, PAZIENZA E TANTA MOTIVAZIONE (La Benzina Principale), Movimento, dinamicità  per cercare Mediazioni, SE TI CI RIVEDI IN QUELLO SOPRA SCRITTO DIVERRAI UN BRAVISSIMO MEDIATORE, Il Mediatore oggi è uno Vero Professionista, e saper Mediare  dà anche una grande soddisfazione, ma non è da tutti, infatti come ogni professione non è detto che tutti pur volendo riescano poi a essere buoni mediatori, in questo caso potete essere bravi Tecnici, Bravi oratori, ma non Mediatori ed il motivo è semplice: non siamo tutti uguali. Quindi non tutti siamo adatti ad un determinato lavoro-missione quale è la mediazione. In un mondo dove tutto è basato su degli algoritmi che decidono per noi, cosa è meglio e cosa no, dove è la Tecnologia a decidere, (cose da fare Paura), almeno sulle vostre faccende Personali con la Mediazione, non sarà un Pc a decidere Ma Voi.
In mediazione un qualsiasi rapporto tra e con le parti si deve basare sulla fiducia; in caso contrario, le parti non verrebbero coinvolte, non collaborerebbero e non si impegnerebbero a firmare un accordo commerciale, professionale o personale, che per alcuni potrebbe essere il più importante e il più significativo della propria vita.
L’Organismo si avvale, per le proprie mediazioni, di un gruppo di professionisti con competenze specifiche per ogni ramo del conflitto, uniti dall ’intento di promuovere e di gestire strumenti alternativi di risoluzione delle controversie. Per questo motivo sono capaci di offrire soluzioni celeri e agevoli alle parti in lite riuscendo così ad evitare, quando possibile, il ricorso alle normali vie giudiziarie. Il Mediatore ha anche dei Doveri, di accettare e fare ciò che dice il codice etico, ma in modo Particolare il Regolamento che non è nulla di più che un Ricalco della Legge, infatti il Regolamento per essere inserito o dato deve priva essere Vagliato dal Ministero della Giustizia: se passa diventano tutti a tutti gli effetti Leggi di secondo grado. Altra caratteristica per chi è Mediatore e che è iscritto all’albo del ministero della Giustizia e Visibile a Tutti, e la quota Annuale è la più bassa di ogni altro Albo esistente sino ad oggi, solo ogni biennio c’è un costo più che è quello dell’aggiornamento, come in tutte le professioni, ma anche qui il costo è molto inferiore e per chi è iscritto ad altri albi può richiedere Crediti Formativi, oltre a scaricare il costo dalle Tasse.
Cordialità, simpatia, ironia, empatia, umiltà sono gli elementi principali per mettere le fondamenta per quel rapporto che da lì a breve dovrà diventare fiducia.
La fiducia la si guadagna, non è mai un diritto. Per guadagnarsi la fiducia occorre dimostrare correttezza e, sopratutto onestà. Per info:
www.omci.org ;

Ricordiamo che il Personale amministrativo è in cassa integrazione, le risposte potrebbero arrivare con più lentezza, fino a che non riprenderanno Le Mediazioni ed i tribunali. Ricordiamo che per mantenere l'organismo attivo ai bassissimi costi che abbiamo, non avendo ricevuto nemmeno un euro a fondo perduto, (Unico caso, in quanto a tutti gli altri settori li hanno dati), sia dallo stato, sia dalla Regione Piemonte per chi è Generoso e ne ha la possibilità sono benvenute donazioni sul codice iban IT90Y0200830320000101209025, per chi volesse divenire Socio, Ordinario o Sostenitore scrivere a Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. ;

E-mail Stampa PDF
Ultimo aggiornamento Martedì, Giugno 09 2020
  

Altri articoli...

Pagina 1 di 16

Copyright © 2020 Omci - Organismo di Mediazione Italia. Tutti i diritti riservati.
Joomla! è un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL.